Uomo: il tuo razzismo è la tua debolezza

Pubblicato il da Mara Mencarelli

Uomo: il tuo razzismo è la tua debolezza

Uomo: il tuo razzismo è la tua debolezza,

la paura del diverso, l'ansia per ciò che non si conosce.

Uomo il tuo razzismo è la tua povertà d'animo,

l'espressione di un cuore arido, brancolante nel buio di un un cielo senza ne luna ne stelle.

Uomo il tuo razzismo ti priva di braccia,

braccia per accogliere l'altro,

per amare ogni tuo simile,

braccia per accettare chi non è come te.

Colore, razza sesso, colore dei capelli, tendenze sessuali,

sono l'essenza di ogni individuo, la bellezza della sua diversità.

Popoli nelle città, nelle regioni, nelle nazioni e nei continenti.

Un unico popolo su questo pianeta.

Uomini che calpestano la stessa terra,

coperti dallo stesso cielo, bevono la stessa acqua evivono del medesimo sole.

Uomo: il tuo razzismo è la tua fragile debolezza.

Niente prede da sbranare, sole uomini da rispettare.

Mara Mencarelli

all right riservete